Il fiore di Ismene: Il caffè delle donne 2012 a Trento con Womenoclock

Torna anche quest’anno lo spazio dedicato alle donne, uno spazio di incontro per raccontarsi ed ascoltare, spazio per confrontarsi e chiacchierare. Caffè letterario Bookique, Parco della Predara, Trento.


L’iniziativa è ideata e promossa dall’Assessorato alle Politiche sociali e Pari opportunità del Comune di Trento in collaborazione con l’Associazione Womenoclock 

Anna Grazia Giannuzzi, blogger, scrittrice e presidente di Womenoclock, è la conduttrice de Il fiore di Ismene – Caffè delle donne

 Ingresso libero

Visualizza o scarica il Programma degli Appuntamenti manifesto ismene 2012


Caffè delle Donne 2012 con Womenoclock

Se c’è qualcosa che dobbiamo assolutamente riconoscere è che non esiste la donna: le donne sono tante e talmente diverse tra loro, che bisogna incontrarne tante per parlare con loro, per parlare di loro.
Quest’anno Il fiore di Ismene – Caffé delle donne inaugura il ciclo dei suoi appuntamenti mensili con le donne, presso la nuova sede della Bookique, in orario 17.00-18.30.

Se c’è qualcosa che dobbiamo assolutamente riconoscere è che non esiste la donna: le donne sono tante e talmente diverse tra loro, che bisogna incontrarne tante per parlare con loro, per parlare di loro.

Quest’anno Il fiore di Ismene – Caffé delle donne inaugura il ciclo dei suoi appuntamenti mensili con le donne, presso la nuova sede della Bookique,giovedì 8 marzo ore 17.00-18.30.
La prima giornata si intitola “Una stanza tutta per sé: la scoperta della solitudine” : Virginia Wolf a confronto con la contemporanea scrittrice italia Sibilla Aleramo e la voglia delle donne di trovare il loro posto nel mondo. La stanza è in questo caso più luogo metaforico che fisico, è il simbolo della libertà di essere se stesse, ma serve anche un po’ di denaro. L’emancipazione dall’uomo passa, infatti, anche attraverso il raggiungimento dell’indipendenza economica.

Di seguito gli altri titoli, che sono stati individuati dopo aver raccolto indicazioni e preferenze delle donne e degli uomini partecipanti all’edizione dello scorso anno.
12 aprile: ” Una vita intorno: riconciliarsi con il femminile”. C’è bisogno di andare d’accordo con se stesse, con la propria idea di donna e decidere se come ci vedono gli altri, ci piace o non. Inoltre, donna e madre: possono coesistere?
10 maggio: ” La questione non riguarda solo me”. Impegnarsi, lasciarsi contaminare dalla vita delle persone che ci sono accanto, ma anche sapere di dire di no: il suono impossibile a dirsi per tante donne.
14 giugno: ” Ho male all’altro…” Confrontarsi, incontrarsi, capirsi, rispettarsi, contaminarsi e crescere insieme agli altri, e poi se capito che l’altro/a sono io?…
13 settembre: ” Bambine vere”: diventare donna ha un prezzo ma non è una colpa.
11 ottobre : “Fardelli”, la tradizione repressiva del desiderio e dell’aggressività femminile
8 novembre:  “Il buio degli occhi chiusi quando è giorno”: sono come tu mi vuoi.