womenoclock@gmail.com

Il discorso narrativo che pensa per storie …

In una Storia del Genere-an History of Gender on 23 aprile 2012 at 19:01

written by AnnaGoclock

Il discorso narrativo che pensa per storie è critico e facilita il dialogo tra i diversi.
Questo pensiero mi ha fatto compagnia da quando, il 12 aprile scorso, ho partecipato ad Anghiari, presso la Libera Università dell’Autobiografia (LUA) al Convegno “Tra i generi. Consapevolezza, educazione, dialogo”.

Quasi 14 ore di viaggio tra andata e ritorno ed una pioggia sottile ma battente non mi hanno scoraggiata né hanno impedito che l’esperienza lasciasse un segno profondo, e un’eco di entusiasmo.

Se si ha l’obiettivo di praticare l’ottica di genere e raccontarla è fondamentale scoprire quali posso essere le metodologie di educazione ed anche di autoeducazione sulle tematiche di genere ed avere l’occasione di conoscere le esperienze degli altri, di quelli che vogliono il superamento degli stereotipi di genere e vogliono promuovere nuovi approcci, per accrescere negli adulti consapevolezza e auto-apprendimento attorno agli stereotipi vigenti.

L’attenzione è stata posta quindi al loro formarsi (e ri-formarsi), alle loro ricadute nelle storie individuali e sociali, all’agire per il loro superamento.
Inoltre, ho sentito ripetersi nei contributi dei relatori l’uso del termine persona, al posto della consueta contrapposizione uomo donna, e questo significa molto.

“Testimoni del genere” è un’espressione molto bella, che racconta molto di noi tutt* che abbiamo deciso di pensare e ripensare, forti di esperienze personali o comunque vicine e abbiamo deciso – oserei dire a nostro rischio e pericolo – di non abitare uno stereotipo di genere.

Sono due gli interventi che mi hanno dato più spunti di riflessione.
Barbara Mapelli, Università Milano Bicocca e Marteen Rombouts, del Centro di Documentazione belga Ro.Sa Doc (www.rosadoc.be/joomla) sul progetto “Genere in classe”.

Il messaggio forte di questo ultimo intervento effettuato da un uomo che lavora affinchè tutt* ci si renda consapevoli che il genere ha un effetto profondo sulle vite di tutt*, è stato esaltato dal contrasto con la dichiarazione di poco precedente di Lucia Portis, “ il genere nelle scuole italiane é praticamente sconosciuto… “ .

Ma tant’é.

In Belgio si insegna agli insegnanti a riconoscere stereotipi di genere, gli si fa formazione e gli si danno strumenti, “we are ready to use teaching materials”. Ro.SA Doc ha preparato una “valigia del genere”, gender box, e suggerisce nel percorso per gli insegnanti di porre domande come: Immaginate di essere nate maschi, che cosa sarebbe cambiato nella vostra vita? Il tutto partendo dal concetto “Because girls are different, and boys too”. La pratica non è diversa da quella di tante scuole americane, e credo ne faremo un assaggio al primo Caffé delle Donne nel quale si presenti l’occasione.

Barbara Mapelli: due le parole che mi sono portata a casa dall’intervento di Barbara Mapelli, indignazione e maternità.

La maternità proposta oggi dai media si alimenta di un simbolico potente, di una retorica assoluta e pericolosa, che nulla ha a che fare nè con la maternità reale nè con i momenti di solitudine e ostilità, sociale e dal mondo del lavoro, in cui le donne la vivono nel concreto. Una differenza abissale che rende ancora più difficili scelte consapevoli per le donne e crea nuovi stereotipi di genere, e ci fa ancora sbattere la faccia contro la richiesta di perfezione in tutti i campi, allontandoci dallo sguardo de* e al* figli*.

Accompagnato dall’immaginario promosso dalla pubblicità del padre zelante che cambia i pannolini o allatta con il biberon ( ovviamente meglio di quanto possiamo noi!), cresce un uomo concreto ancora più insopportabile del grande cuoco che ti lascia la cucina come un campo di battaglia: il genere si insegna, ma anche si costruisce insieme partendo dalla necessità, non dall’immaginario: il cambiamento va vissuto. Su questo argomento è stato molto interessante il contributo di Maschile Plurale, uomini che fanno cose su temi che gli stanno a cuore, i cui interventi sono stati molto interessante anche se li ho trovati leggermente accademici.

Indignazione:il sentimento dei “buoni” di quelli che prendono le distanze. Oggi tutti gridano allo scandalo, è facile e dopo si può continuare ad occuparsi degli affari propri. La cultura dell’emergenza non lascia il tempo per occuparsi seriamente della relazione con l’altro, potenzia il giudizio e consente di rifiutare la complessità del reale.
La parola complessità è un’altra dellemie preferite e andrebbe molto più indagata e capita: sperimentandoci intorno alla complessità del nostro mondo potremmo essere più vicini a cominciare a comprenderlo senza giudicare, ma operando delle scelte di campo – un posizionamento – che ci consenta di semplificare senza tradire, senza omettere, senza snaturare la realtà.
Vivere con consapevolezza quello che stiamo vivendo – Barbara Mapelli chiude con un richiamo alla vivencia vivencia di Maria Zambrano – il vivere pensando al vivere, il raccontare la storia, condividerla: un progetto di crescita armonica collettiva, di pace.
Per me anche di felicità.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Settenove

Settenove: una casa editrice indipendente • un progetto di prevenzione alla violenza di genere • un impegno contro la discriminazione • un contrasto agli ostacoli culturali • una proposta di nuovi linguaggi • pari opportunità tra le persone • diritti, rispetto, collaborazione • www.facebook.com/settenove.it • www.twitter.com/ed_settenove

violetta plotegher

con le nostre (rel)azioni generiamo comunità

Oyia Brown

A WordPress site to give you a smile

Jane Austen's World

This Jane Austen blog brings Jane Austen, her novels, and the Regency Period alive through food, dress, social customs, and other 19th C. historical details related to this topic.

draw and shoot

Shooting photographs, drawing lines...

A Traveller's Tale

photography and travel interests, places, and things

Un altro genere di comunicazione

Un blog contro il sessismo, l'omofobia e tutte le disuguaglianze di genere

sethsnap

Photographs from my world.

Vikram Roy's Blog

Liberal | Art | Poetry | Culture | Travel | Love | Oxygen: A Complete Blog

Edilio Ciclostile

I buzz into your head

Unmotherly Insights

By Debra Rich Gettleman

An American Girl in Transit

finding style and culture around the world

Bucket List Publications

Indulge- Travel, Adventure, & New Experiences

A.L.M.A.Blog

Collettivo "Alzo La Mano Adesso!"

Googsy Photography

My Favorite Clicks....

uova di gatto

sopralerighe

Photo Nature Blog

Nature and Outdoor Photography by Jeffrey Foltice

Watching The Photo Reels Go Round And Round...

Snapshots of a self-taught photographer's photographic journey and process..."I'm just sitting here watching the wheels go round and round, I really love to watch them roll... People asking questions lost in confusion, Well I tell them there's no problems, Only solutions..." --John Lennon

You Monsters Are People.

A million screams. A billion dreams.

Adolesco

Prima o poi cresceranno. Come sopravvivere ai figli adolescenti

Solo Frammenti

Suoni che arrivano dritti al cuore

italianintransito

... per andare dove dobbiamo andare, dove dobbiamo andare?

Sara Maino

Multimedia artist: theatre, video, installations, poetry performance

nientedipersonalesolosesso

liquidamente fra mente fantasia e pelle

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Sfumature Mondiali

Luoghi dimenticati impressi in alcune memorie

Doctor Blue and Sister Robinia

Il blog personale di Valter Binaghi, scrittore e musicista

cronichlesofmari

the open diary of mari key

Womenoclock

WoMenoclock! About women, About men, for everybody. Wake up....and dream!

Lo Spirito Del Tempo

Pensieri, Cultura, Evoluzione ;)

A Constant Reverie

The fanciful musings of a compulsive writer. Mostly poetry at the moment.

KIDS' BRAIN: Books, Reviews, and Information Now!

a blog for parents and young readers

chocolate is a verb

colors, flavors, whims and other growing things

No más

Enough!

By The Firelight

Paul Doyle on books, writing & short stories, often in Spanish

Pier Marton

More Than You Want To Know

The 19th Century Flower Child

writings from a romantic idealist born in the wrong era

Peoples Academy Library

Learn it in the library...Use it in your life!

binarypotatoe

Get ready.. Fight your resistance

Sparkles and Sweat

In Shape and Insane!

The Temperamental Kitchen

Writer, Baker, Blogger, Wife

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

womenareurope

Per un'altra Europa - Towards a different Europe

Giorgia Penzo

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Gallery of God

An Overture to Heaven

Titania's Den

Welcome some confusion of the mind

LE PAROLE PER DIRLO

"Le parole sono l'impronta che lasciamo volando via". (A. Tabucchi)

Poesia in Rete

I "Miei" Poeti Amati

mammamsterdam

Unica, imprescindibile, imponderabile, inevitabile Mammamsterdam da oggi anche in formato monodose e nuova confezione migliorata

unpizzicodidragoncellotritato

Donne protagoniste nella storia del pensiero

occhimentecuore

luoghi in cui sono stata, cose che ho imparato e su tutto i sentimenti

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Lelly's mind

parole, sentimenti, emozioni...

letteraturando

Just another WordPress.com site

Come fosse Musica

Con me l’anatomia ha perso la testa. Sono tutto cuore, mi batte dappertutto. (V. Majakovskij)

aliceinwriting - critica letteraria e vita da biblioteca

Redattore editoriale, bibliotecaria, web editor copywriter. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà.

arteria

Blog tematico dedicato all’arte contemporanea

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

ladimoradelpensiero

La lettura é il viaggio di chi non puó prendere un treno. (Francis de Croisset)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.113 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: