womenoclock@gmail.com

Il posto delle donne.

In una Storia del Genere-an History of Gender on 7 maggio 2012 at 16:26

Il posto delle donne.

di AnnaGoclock

Uno dei commenti alla mostra “Lontane dal Paradiso” che ho apprezzato di più recitava più o meno così:

“Donne state al vostro posto: nei tribunali,

nelle scuole e università,

negli ospedali, per le strade…..!”

Così mi sono chiesta anche io: le donne quale pensano sia il posto delle donne? La domanda non è da poco e per le risposte non so se ho abbastanza cose intelligenti da dire. Tuttavia…

Se il canone di una vita comprende il viaggio, i luoghi in cui si incontrano le persone finiscono con il fare parte identitaria di quelle persone.
Ed è stato così per tante donne nella mia via vita.
Mia nonna alla macchina da cucire o in cucina, mia madre alla scrivania con i compiti dei suoi studenti, la mia professoressa delle medie che scende trafelata dall’autobus con i pantaloni a zampa di elefante e troppi libri sotto il braccio, la panettiera che mi voleva far sposare il figlio, al mare la signora tedesca che nonostante cinque figli riesce a leggersi tranquillamente un libro sotto l’ombrellone, la vicina di casa che suona al campanello, mi guarda allucinata e chiede se c’è mia madre perché ha sentito suo figlio muoversi dentro la pancia….
Le donne nella mia vita appartengono grosso modo a due categorie: quelle a cui devo spiegare i miei perché e quelle che li hanno già condivisi. O, come si dice, ci sono già passate.
A quelle della prima non piacciono molto le donne della seconda categoria, e queste ultime guardano le prime come se venissero da lontano, da molto lontano…. È piuttosto imbarazzante, ma a questo posso sopravvivere.
Tra tutte, una donna che non ho incontrato mai di persona, ma solo nei racconti di mia nonna, la figura femminile più importante e più significativa, quella che un giorno sono diventata io.
La mia nonna materna era una donna forte, “rossetto munita” (aveva un’idea granitica di cosa è femminile e cosa no) creativa e crudele (allevava i conigli e poi li ammazzava non solo per cucinarli, ma per cucire copertine e pelliccette per le figlie).
Mi raccontava di una pianista che quando si esercitava non si accorgeva nemmeno dei figli che giocavano intorno a lei. In quella casa c’era disordine e figli facevano quello che gli pareva….
Fin dall’inizio sono stata catturata da questa immagine e dal giudizio cattivo che la dipinge, un giudizio impietoso da donna di casa e di cura, donna schierata con il patriarcato, donna che rimuove e omette, che non si dà futuro luogo e tempo al di là della casa, donna che chiede di essere apprezzata perché sa fare, perché lei serve, una donna che non si guarda dentro.
Una donna che esiste nella ripetizione dei gesti, ma non nella loro logica: mia nonna non si chiedeva mai il perché delle cose che faceva e non ha mai pensato di poter essere lei la prima a farlo. Forse non ha mai pensato nemmeno che ci fosse bisogno di avere dei perché.
Io, però, io che già provavo i brividi a restare sospesa a lungo nelle parole ero molto spaventata, e attratta, nello stesso tempo, dall’idea di essere in fondo come quella donna, terribile e disprezzabile. Libera, appassionata, attiva, magari felice come uno non immagina che possa essere la felicità.

Ma che razza di donna pensa a realizzare se stessa
e non si cura dei figli?

Sapevo cosa provavo quando leggevo e che quando poi avrei scritto quelle parole in cui restavo come sospesa, che spesso mi nascevano proprio dalle letture affamate con cui condivo le mie estati solitarie di rapporti umani, sapevo che avrei davvero dimenticato tutto.

E anche i/le figli /e che avrei avuto? Che cosa avrei fatto a loro? Avrei avuto una maternità scandalosa o avrei rinunciato? Il rischio è donna? Il rischio è madre? Mi sarei clonata nelle mie figlie secondo lo stampo che mia nonna cercava di tramandarmi, avrei reso i figli maschi identici al padre?

Non lo sapevo.
Quello che mi importava era non dissolvermi nella maternità.
Non sapevo quanto sarebbe stato difficile trovare il tempo, il momento per scrivere, e quanta fatica avrei fatto.
Non sapevo che avrei avuto delle figlie, né che avrei scritto davvero dimenticandole, ma quando l* ami i/le figl* davvero non è possibile dimenticarl*.
Magari vorresti ucciderl*, ma non puoi dimenticarl*.

Non sapevo che le mie figlie le avrei avute intorno ad interrompermi con mille domande, che mi avrebbero rinfacciato il mio tempo al lavoro; non sapevo nemmeno che avrebbero letto quello che scrivo e che mi avrebbero capito, o che almeno ci avrebbero provato.

Non sapevo nemmeno quanto è bello vederle giocare con la coda dell’occhio mentre io scrivo, quanto è appagante capire che non sono e non saranno mai loro a chiedermi di sacrificare me stessa, e quanto è stato disorientante capire che sarei stata sempre io a metterle davanti o accanto ai miei progetti.

Ad arrangiare o rimandare i miei progetti di scrittura con la nostra vita insieme.

Non sapevo che per quanto sia difficile e per certi versi ancora incompatibile essere donna e madre si può.

Nonostante lo sguardo indagatore di mia nonna e la condanna morale che si prospettava all’orizzonte, io ci ho provato ad essere come quella donna era nel mio timido e speranzoso immaginare: affascinante e terribile, libera e sciagurata, scandalosa nell’espressione delle proprie passioni come un’eroina dell’Ottocento e nello stesso tempo una manovale come Jean The Rivetter.

I risultati sono alterni – soprattutto quelli della scrittura.

E anche se alla fine non posso dire se esista un posto delle donne o per le donne, ho finito per credere che al mondo c’è posto per tutte, quelle crudeli e quelle sfrontate, quelle libere che scappano dalla routine appena la intravvedono e quelle timorose di cambiare le cose che conoscono.

La cosa più importante, però, sono i legami che si creano tra queste donne: servono per crescere, servono per farsi coraggio, per assumersi il rischio di cambiare, per condividere il peso della responsabilità di cambiare. Magari partendo proprio dalla cosa più personale e nello stesso tempo più pubblica e perciò politica: la scelta della maternità.

E quando poi finalmente l’avete scelto il vostro posto, donne, difendetelo: vi appartiene, ve lo siete conquistato, è vostro!

About these ads
  1. il posto delle donne sarà sempre più il posto che le donne si danno: un posto al sole, un posto per le parole, mille posti diversi per dire la sua senza la tutela degli altr*.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Settenove

Settenove: una casa editrice indipendente • un progetto di prevenzione alla violenza di genere • un impegno contro la discriminazione • un contrasto agli ostacoli culturali • una proposta di nuovi linguaggi • pari opportunità tra le persone • diritti, rispetto, collaborazione • www.facebook.com/settenove.it • www.twitter.com/ed_settenove

violetta plotegher

con le nostre (rel)azioni generiamo comunità

Oyia Brown

A WordPress site to give you a smile

Jane Austen's World

This Jane Austen blog brings Jane Austen, her novels, and the Regency Period alive through food, dress, social customs, and other 19th C. historical details related to this topic.

draw and shoot

Shooting photographs, drawing lines...

A Traveller's Tale

photography and travel interests, places, and things

Un altro genere di comunicazione

Un blog contro il sessismo, l'omofobia e tutte le disuguaglianze di genere

sethsnap

Photographs from my world.

Vikram Roy's Blog

Liberal | Art | Poetry | Culture | Travel | Love | Oxygen: A Complete Blog

Edilio Ciclostile

I buzz into your head

Unmotherly Insights

By Debra Rich Gettleman

An American Girl in Transit

finding style and culture around the world

Bucket List Publications

Indulge- Travel, Adventure, & New Experiences

A.L.M.A.Blog

Collettivo "Alzo La Mano Adesso!"

Googsy Photography

My Favorite Clicks....

uova di gatto

sopralerighe

Photo Nature Blog

Nature and Outdoor Photography by Jeffrey Foltice

Watching The Photo Reels Go Round And Round...

Snapshots of a self-taught photographer's photographic journey and process..."I'm just sitting here watching the wheels go round and round, I really love to watch them roll... People asking questions lost in confusion, Well I tell them there's no problems, Only solutions..." --John Lennon

You Monsters Are People.

A million screams. A billion dreams.

Adolesco

Prima o poi cresceranno. Come sopravvivere ai figli adolescenti

Solo Frammenti

Suoni che arrivano dritti al cuore

italianintransito

... per andare dove dobbiamo andare, dove dobbiamo andare?

Sara Maino

Multimedia artist: theatre, video, installations, poetry performance

nientedipersonalesolosesso

liquidamente fra mente fantasia e pelle

Il mio giornale di bordo

Il Vincitore è l'uomo che non ha rinunciato ai propri sogni.

Sfumature Mondiali

Luoghi dimenticati impressi in alcune memorie

Doctor Blue and Sister Robinia

Il blog personale di Valter Binaghi, scrittore e musicista

cronichlesofmari

the open diary of mari key

Womenoclock

WoMenoclock! About women, About men, for everybody. Wake up....and dream!

Lo Spirito Del Tempo

Pensieri, Cultura, Evoluzione ;)

A Constant Reverie

The fanciful musings of a compulsive writer. Mostly poetry at the moment.

KIDS' BRAIN: Books, Reviews, and Information Now!

a blog for parents and young readers

chocolate is a verb

colors, flavors, whims and other growing things

No más

Enough!

By The Firelight

Paul Doyle on books, writing & short stories, often in Spanish

Pier Marton

More Than You Want To Know

The 19th Century Flower Child

writings from a romantic idealist born in the wrong era

Peoples Academy Library

Learn it in the library...Use it in your life!

binarypotatoe

Get ready.. Fight your resistance

Sparkles and Sweat

In Shape and Insane!

The Temperamental Kitchen

Writer, Baker, Blogger, Wife

CINEMANOMETRO

recensioni film fantascienza, horror, mostri e amenita varie

womenareurope

Per un'altra Europa - Towards a different Europe

Giorgia Penzo

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Gallery of God

An Overture to Heaven

Titania's Den

Welcome some confusion of the mind

LE PAROLE PER DIRLO

"Le parole sono l'impronta che lasciamo volando via". (A. Tabucchi)

Poesia in Rete

I "Miei" Poeti Amati

mammamsterdam

Unica, imprescindibile, imponderabile, inevitabile Mammamsterdam da oggi anche in formato monodose e nuova confezione migliorata

unpizzicodidragoncellotritato

Donne protagoniste nella storia del pensiero

occhimentecuore

luoghi in cui sono stata, cose che ho imparato e su tutto i sentimenti

O capitano! Mio capitano!...

"Ci sono persone che sanno tutto e purtroppo è tutto quello che sanno." [Oscar Wilde]

Lelly's mind

parole, sentimenti, emozioni...

letteraturando

Just another WordPress.com site

Come fosse Musica

Con me l’anatomia ha perso la testa. Sono tutto cuore, mi batte dappertutto. (V. Majakovskij)

aliceinwriting - critica letteraria e vita da biblioteca

Redattore editoriale, bibliotecaria, web editor copywriter. Amante dei libri, della lettura, sensibile al piacere del testo e al grado zero della scrittura, mi occupo di Letteratura, amica esistenziale fin dai tempi dell'infanzia, poi alleata negli studi, infine compagna fedele di vita. I miei campi d'azione: la critica, la riflessione sul romanzo, sui miti, su temi e topoi; la poesia come flusso di coscienza e sottile tecnica semantica; il racconto, finestra aperta su un mondo interiore da narrare con parole in libertà.

arteria

Blog tematico dedicato all’arte contemporanea

____________Mille Nuovi Orizzonti__________

Nasce dall'esigenza di dare qualche informazione utile sui mezzi di trasporto, ristoranti, guesthouse, luoghi e orari dei viaggi fatti.......lasciando la poesia alla fotografia

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

ladimoradelpensiero

La lettura é il viaggio di chi non puó prendere un treno. (Francis de Croisset)

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.113 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: