Detto fra noi, Anne Stevenson

Non credere
che non lo sappia
che quando mi parli
la mano della tua mente
senza farsene accorgere
mi sfila le calze,
e si muove cieca e intraprendente
lungo la mia coscia.

Non credere
che non lo sappia
che lo sai
che tutto ciò che dico
è un indumento.

Don’t think

that I don’t know
that as you talk to me
the hand of your mind
is inconspicuously
taking off my stocking,
moving in resourceful blindness
up along my thigh.

Don’t think
that I don’t know
that you know
everything I say
is a garment.

(Anne Stevenson – UK)

2 commenti

  1. http://foglianuova.wordpress.com/2012/08/14/trattasi-di-sfumature/
    Per completare la vostra informazione con una rassegna stampa della critica letteraria seguite quel link!
    Il pezzo inizia così

    “Quando l’erotismo rischia il ridicolo

    Tra grugniti e risucchi passa la voglia di sesso

    Nelle «Cinquanta sfumature» di E. L. James accadono fatti improbabili espressi con un linguaggio simile a quello dei fumetti porno d’un tempo

    Tony Damascelli
    ………………………..”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...