Maria Montessori#2: grazie maestra!

Italian educationist Maria Montessori (1870-1952)
Italian educationist Maria Montessori (1870-1952) (Photo credit: Wikipedia)

by AnnaGoclock

Bisogna festeggiare le donne. Soprattutto se ci hanno fatto pensare e crescere, ed hanno dato opportunità a* nostr* figl*.
Maria Montessori lo ha fatto in tanti modi per moltissime famiglie. E’ stata, per esempio, una delle prime donne in Italia a laurearsi, ad avere un figlio fuori dal matrimonio; ha partecipato ai congressi femminili di Londra nel 1889 e di Berlino del 1896 denunciando il sovralavoro cui le donne erano esposte, sostenendo la parità salariale e la necessità di interventi legislativi. Nei primi anni del Novecento è stata tra le protagoniste della battaglia per il diritto al voto e firma un proclama in cui si legge: “Donne sorgete! Il vostro primo dovere in questo momento sociale è di chiedere il voto politico”.
Ha scritto un libro che ha fatto il giro del mondo, come le sue teorie e le sue scuole.
La sua idea di un ambiente preparato per i* bambin* è per me ancora rivoluzionaria, perchè io le figlie a scuola ce le ho e frequento scuole ed insegnanti con regolarità.
Non parliamo ovviamente solo di banchi a misura di bambin*, quanto piuttosto del riportarl* al centro dell’educazione, di insegnargli a rispettarsi rispettando gli* altr*, in una socializzazione spontanea ma non per questo non regolamentata.
Perchè, se siamo disposte ad intederci su questo, ogni aiuto esterno non è un vero aiuto.

Perchè – e ne abbiamo esperienza quotidiana – il bambino vuole fare da solo.

Non a caso titolo del suo libro in italiano è “L’Autoeducazione nelle scuole elementari’ – Maria Montessori, 1916 – ed. Garzanti, 1992”

Le obiezioni più frequenti al metodo riguardano una certa elitarietà, cioé l’essere riservati a bambin *superdotati, o, al contrario, servire per quell* che “non ce la fanno”.
Per rispondere a questa ed altre domande, mi limito a darvi elementi di autonoma valutazione: la rivista Science ha riportato alcuni dati statistici interessanti.
L’interessantissimo blog cuoredimamma, che ringrazio e dal quale ho preso alcuni riferimenti interessanti e competenti.
L’articolo del 2011 su Wired dal titolo Maria Montessori, la maestra italiana degli Internet guru.
Infine: ci sono più scuole Montessori all’estero che in Italia.


“Vorrei essere giovane, per lavorare di più, per aver tempo di scrivere e determinare le nuove idee e per scrivere specialmente il mio libro Psiche: L’Uomo”.