La gita in montagna

by Silkoclock

Sarà che ne lezem en dei fondi
del cafè Che en cafè el ghe vol
dopo na caminada de do ore
ndel bosc Avem trovà le brise
e una che no la trovevo da ani
na brisa compagna Ma ghe vol
en cafè Col fornelet da camping
en cafè de moka saorì e finim
per lezerne en dei fondi Storie
de strie de selvane o guane
scapade dai masi ndei boschi
arent al lac Oci de cauriol
Sempre en magon de scapar
na voia de corer de nar nar
e po’ fermarse per sagiar na
erba en frut l’odor de en fior
o del fen En magon de l’inverno
che te vegn ados anca ades che
l’è de mo setembre co el sol el va via
e ariva l’ombrìa en sentor de bruma
che te ciapa i osi No conta
meterse el maion de lana nol pasa
Alora te torni a casa e te empizi
el foc s’ciopi de ziel de tramonto
ros te torna l’alegria la voia
de riderghe su entant che l’orzet
el se radensa te gai taià zo tute
le verdure l’è na festa.

Sarà che ci leggiamo nei fondi/ del caffè Che un caffè ci vuole/ dopo una camminata di due ore/ nel bosco Abbiamo trovato i funghi porcini/ e uno che non lo trovavo da anni/ un fungo simile Ma ci vuole/ un caffè Col fornelletto da campeggio/ un caffè di moka saporoso e finiamo/ per leggerci nei fondi Storie/ di streghe di silvane o anguane/ scappate dai masi nei boschi/ accanto al lago Occhi di capriolo/ Sempre una paura di scappare/ una voglia di correre di andare andare/ e poi fermarsi per assaggiare un’/ erba un frutto l’odore di un fiore/ o del fieno Una paura dell’ inverno/ che viene addosso anche adesso che è solo/ settembre appena il sole se ne va e / arriva l’ombra un sentore di brina/ che ti prende le ossa Non serve/ mettersi il maglione di lana non passa/ Allora torni a casa e accendi/ il fuoco scoppi di cielo di tramonto/ rosso ti torna l’allegria la voglia/ di riderci su intanto che la minestra d’orzo/ si fa densa ci hai tagliato tutte/ le verdure è una festa.