Dimenticanza

by Silkoclock 

Era mamma. Negli ultimi anni mi ha insegnato come vivere senza memoria. Il suo quotidiano era fatto di immediate certezze, di improvvisi spaesamenti, dell’emergere di sprazzi fragmentati di realtà, di estraneità.

Ecco, riconoscermi nell’identità più fluida e incerta del divenire, nel suo stesso disorientamento come in una metamorfosi antica, mitologica. Ritrovarsi altro, donne che diventavano albero, sorgente d’acqua; uomini che si trasmutavano in cervo, asino, cigno, pietra.

Paradigma di trasformazioni e cambiamenti che attraversano il nostro vissuto nel mutamento costante dei corpi. Che ci spaurano in atteggiamenti sconnessi e scordinati o ci riportano nella dimensione della grazia del movimento. Mamma si era fatta leggera leggera.

Questo è tutto ciò che
ci assegna ora l’esistere
Una tazza di caffè bollente
all’alba di una primavera livida
un verso o forse due
di una poesia di Billy Collins
gli occhi di mia madre
penetranti e persi sul
significato di una parola o
sulla parabola della vita
Tutto ci ritorna nuovo
inusuale estraniato pur
nella sua familiare consuetudine
niente colma il vuoto
che ci afferra inaspettato
nella più consumata
delle nostre abitudini

2 commenti

  1. anche a me sembra sembra che mamma si sia fatta leggera
    simile leggerezza avvertii una volta nei riguari di un gabbiano
    investito da un pesante camion che lo travolse con la sua onda d’urto
    risucchianolo e sbattendolo sull’asfalto
    Non ricordo se noi umani siamo ex uccelli
    fattisi pesanti e ritorniamo uccelli
    prima di volare via

  2. Il non potersi confrontare più con la memoria continua a toglierci un pezzo di passato e questo sembra ci tolga continuamente pezzi di vita.
    Forse non è così, forse è sfrondare dolore, azzerare esperienze inutili, alleggerire un presente che ci farebbe soffrire, forse è una risorsa della natura per vivere di continuo presente, quello che altrimenti faremmo fatica ad apprezzare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...