Pront* per domani? Ci vediamo al Caffè Ismene!

lavapiattiEccoci al nuovo appuntamento che già ci ha dato tante soddisfazioni. In alcune immagini le suggestioni per la nostra conversazione e la trama di un libro di Sophie Kinsella …La regina della casa.

casalinga

“Samantha Sweeting, un affermato avvocato di Londra, sta per diventare socio anziano del suo studio legale.

Proprio il giorno della sua nomina viene licenziata, per la mancata spedizione di una pratica riguardante un prestito per una società in bancarotta. Samantha fugge, diretta chissà dove: in preda al panico e al mal di testa comincia a camminare e arriva nei pressi di una villa.

Suona per chiedere un’aspirina e i padroni di casa la scambiano per la governante mandata da un’agenzia. Samantha accetta il posto, convinta di sapersela cavare. La ragazza ha un Q.I. di 158 ma non ha idea di come si cucini o di come si debba pulire una casa.

Qui però, dopo una serie di esilaranti disavventure, incontra Nathaniel, il giardiniere della famiglia, che decide di aiutarla mandandola a lezione di cucina e pulizie dalla madre. I due ragazzi, intanto, vivono un’intensa storia d’amore.

biancaneve

Quasi per caso, Samantha riesce infine a sgominare la truffa messa in atto da un suo collega per farla licenziare.

Dopo aver risolto il “mistero” a Samantha viene riofferta la possibilità di diventare socia.

Dopo una serie di tentennamenti che le faranno quasi perdere il suo ragazzo (che disapprova totalmente gli avvocati), decide di mollare tutto per una vita più tranquilla insieme a lui.

Dunque, qual è il principio generale, esiste davvero un canone di felicità? Possiamo negare in assoluto che essere regine della casa sia un’infamia maschilista che si tramanda per via materna, oppure nella vita casalinga ci sono gioie ed affermazioni personali che a molte di noi sono sconosciute,… basta scoprirle?

casalingo disperato

Non so,  conoscete Martha Stewart?

220px-Martha_Stewart_2011_Shankbone

Datevi una letta al testo della Canzone di Ombretta Colli, il video eccolo qui, ma lo trovate anche sulla nostra pagina facebook.

La regina della casa

Io la mattina sono la prima ad alzarmi
e preparo la colazione per tutti
poi… si alza lui….
Esce e và al lavoro, ed io…

Ho i bambini da curare
devo fare tutti i letti
le camicie da stirare
metto a posto lavo i piatti
faccio un pò di pulizia
e preparo da mangiare
deve esser tutto pronto
quando arriva lui…..

Certo, naturalmente, perchè…

Io sono la regina della casa
mi sveglio la mattina soltanto per lui
lui che è l’uomo più importante
più intelligente,
io in realtà non sono niente
senza di lui…

Io sono la regina della casa
graziosa e stupidina mi vuole così
mi vuole così..

A star sempre chiusa in casa
la giornata vola via
ho la radio sempre accesa
che mi tiene compagnia
e la sera si capisce
guardo la televisione
mi rimodo, m’istruisco
e mi distraggo un pò.

Tutto ciò mi va benissimo
perchè effettivamente….

Io sono la regina della casa
mi sveglio la mattina soltanto per lui
lui che è l’uomo più importante
più intelligente,
io in realtà non sono niente
senza di lui…

Io sono la regina della casa
graziosa e stupidina mi vuole così
mi vuole così..

Or che i figli son più grandi
posso anche lavorare
cosa importa se poi dopo
io ciò anora più da fare
alla sera solamente
tanta voglia di dormire
dopo tutto è proprio questo
che voleva lui…

Ed ha perfettamente ragione
considerato il fatto che…

Io sono la regina della casa
io sono la regina della casa
la la la la

E se vi sembra femminista ..oops, quasi dico una parolaccia, o maschilista, parliamone insieme al Caffè Ismene. Alle 17 di giovedì 7 marzo, alla Bookique, vi aspettiamo!