logica maschile – logique masculine

linguaggio sessista[1]

Quando gli parlo, parlo a una persona,
quando mi parla, parla a una donna.
Questo mi umilia.

Ma lui ritiene che dovrei sentirmi lusingata
perché non ci si dimentica che sono una donna:
se lo dimenticasse,
vorrebbe dire che non sono una donna.

Non riesco a sentirmi lusingata perché non lo si dimentica
anche se sarebbe umiliante che lo si dimenticasse.
Mi umilia che si pensi al mio sesso.
Mi umilia che non ci si pensi.

È facile per lui dimostrare
che è dentro di me che qualcosa non va: allora cosa vuoi?
Manchi proprio di logica, e sorride,
perche è cosa nota che le donne mancano di logica.

Eppure io lo so che è giusto così.
Quando gli parlo, parlo a una persona completa
che è anche un uomo, parlo a una totalità
e questo non mi crea problemi.

Ma quando gli dico di parlare a tutta la mia persona,
lui capisce che gli chiedo di dimenticare che sono una donna.
Quando lo invito a concepire che sono una totalità,
lui capisce che deve togliere una delle parti.

Per me lui è persona-e-uomo,
per lui io sono persona o donna
vuole che io scelga fra le due
(e lui preferisce donna).

Insomma tu parli al mio culo.
Prendi la parte del tutto.
Sei tu a fare errori di logica.

Poesia scritta nel 1972 da una donna francese che ha deciso di conservare l’anonimato.

uomodonna[1]

One comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...