Un-due-tre! La Peppina la fa il caffè!…

By Luisa Sax

Eh si, una volta il caffè si faceva in casa, con la moka. Di solito non veniva benissimo, non era mai cremoso, come quello del bar intendo, così c’era sempre una buona scusa per “uscire a prenderlo” incontrare altra gente, scambiare le famigerate, liberatorie “chiacchere da bar”. Ora ci sono delle nuove macchinette, quelle con le cialde, sono elettriche e non si devono quasi mai pulire.
Comode, sicuramente non troppo economiche (le cialde e la super-moka costano) ma fanno un caffé bello cremoso… meglio di quello del bar! Di molti bar, non di tutti…ma puoi scegliere pure l’aroma, ce ne sono tantissimi… Da quando ce l’ho, non vado più al bar!E non scambio nessuna chiacchera.

Certo, anche se da bar, quella chiacchierata era pur sempre una piccola finestra sul mondo circostante reale, non televisivo, rendeva anche un po’ più visibile la tua esistenza…potevi pubblicamente asserire qualche fesseria anche tu! Niente! Finito! Blindati in casa!Perché ovviamente imperversano anche gli acquisti on line e le amicizie virtuali, tutte innovazioni comodissime…

Adesso poi, dopo l’euro intendo, si pensa anche al risparmio: il caffè del bar costa. Un euro al giorno (le vecchie due mila lire) sono trenta a fine mese e magari poi ti tocca pure offrire da bere..

Ebbene sì, al giorno d’oggi, le chiacchere e le amicizie costano troppo, mentre gli stipendi (quando ci sono) sono al palo, ma questo è un altro discorso…o no?

caffettiere 2.

3 commenti

  1. Mia madre, cremonese, conobbe mio padre, triestino, alla fine degli anni 40, andando a Trieste per la prima volta rimase sbalordita dal vedere che tutte le donne andavano quotidianamente al caffè da sole e in compagnia tra loro. Anche a Cremona i bar erano feudi maschili, come dici tu, ma Trieste era mitteleuropea e di usanze austriache, usanze che fortunatamente non ha perso del tutto.
    Ogni tanto, per essere “esotica” anche io mi faccio il caffè con la moka, ma la mia miscela, essendo poco usata, non sa di buono e torno subito alla capsula….

  2. Io uso sempre la moka, di elettrico ho solo il macinacaffè, si perchè compro il caffè in chicchi e lo macino di volta il volta. La miscela per la Moka è: 150 di miscele di arabica e 100 g. di robusta. Perchè è la robusta che è più cremoso, ma è anche più legnoso e amaro, al contrario l’arabica ha più aromi ed è più dolce. La moka da tre, da quando sono separata è tutta per me… 🙂
    Dopo aver preso il mio caffè a casa, vado a fare colazione in pasticceria, cappuccino e cornetto. ( veramente prima era così tutti i giorni, ora solo il sabato mattina o per il mio compleanno o quello dei miei figli)
    I clienti fissi del bar-pasticceria, sono tutti cacciatori e misogini, sono una fiera campionaria di pregiudizi e luoghi comuni, sembra di leggere i commenti sul “Il Fatto”. Per attirare commenti, basta mettersi a leggere la “Gazzetta dello sport”. Se li fai notare che il giornale è “rosa” e non azzurro, e se lo leggono troppo rischiano di diventare gay, perchè fa parte delle strategie delle “teorie gender”. Non ti capiscono, ti guardano come venuta da un altro mondo. Sono bravi a fare battute pesanti sulle donne, ma se te fai dell’ironia non la comprendono.
    Dalle mie parti, in provincia, i bar, sono ambienti strettamente maschili, le donne sono solo di passaggio e oggetto di commenti. è elettrizzante andare li ed infrangere quelle loro sicurezze, basta poco per passare da sovversivi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...