Poesia raminga #2

By Lidia Amalia Palazzolo

Non rimpiango
la perduta
bellezza
mai avuta
né collo da
cigno
né la scia
di un profumo
abbandonando
una stanza
Frequentare
i boschi
con l’illusione
che gli occhi
potessero diventare
più verdi
ma oggi
hanno il
colore
delle foglie
secche
Ogni ruga
una memoria
ogni dolore
un corpo
che ricorda
ogni certezza
spazzata via
dal suono minaccioso
di mille orologi.

old is the new black

Sotto le cenere
della solitudine
cova un desiderio
inappagato
insolente
Nascosto fra
le cosce
trascende
il tramonto
dei sensi
Uno spasmo
in agguato
incatenato al
silenzio
Un corpo che
non si riconosce
nello specchio
della memoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...