Taglia e cuci

by Lidia Amalia Palazzolo

Vecchi quartieri, vecchi mestieri: A Trento, in via della Malvasia (nome molto evocativo), Sandra ha pensato di mettere su un laboratorio di cucito, El COSTURERO, che in spagnolo è la scatolina dove vanno a finire aghi, bottoni, fili.
L’idea di un filò per chiacchierare, reinventare capi abbandonati negli armadi in attesa di buttarli, donarli o fino a che ritornino di moda.
Bella proposta, bel posto e sabato scorso nell’inaugurazione bella mescolanza di lingue, storie e progetti.

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...