Leggere in estate Madre d’inverno

by Silkoclock

Dopo mesi bloccata su una pagina…e che pagine…su Mrs Dalloway di Virginia Woolf, su Leggere Lolita a Teheran di Azar Nafisi, mi ha guarita lei! Non riuscivo più a andare avanti, dopo la metà del libro, dopo le prime venti pagine… sofferenza, insofferenza, sensi di colpa…

Ecco che oggi lo leggo tutto d’un fiato, il libro bellissimo Madre d’inverno di Vivian Lamarque, leggo e mi commuovo e approvo e comprendo e godo e gioisco della lettura tutto assieme, insomma mi ritrovo!

E mi vengono in mente i bei libri già letti sulle madri che invecchiano e si ammalano e muoiono, come Le beatitudini della malattia di Roberta Dapunt  o Una morte dolcissima di Simone De Beauvoir o Ninetta di Lina Sastri. O il suono dei versi di Emily Dickinson, di Giorgio Caproni, di Andrea Zanzotto, di Wisława Szymborska, tanto dissimili eppure evocabili e poi più priopriamente proprio lei,  i versi di Vivian Lamarque.

Che bello che abbiamo vivente in Italia una poeta così, una lingua così, limpida leggera ironica dolente.

Leggete leggete le poete e i poeti viventi, che come dice Vivian Lamarque,

PS.: Siamo poeti

vogliateci bene da vivi di più

da morti di meno

che tanto non lo sapremo.

 

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...